Abbigliamento Uomo

La moda uomo è da sempre una delle mie grandi passioni, trovo interessanti le ristrettezze imposte da un abbigliamento formale che costringono, per distinguersi, a puntare alla qualità e ai piccoli dettagli di stile. Per i più giovani che non amano questi dress-code dico solo che ad un colloquio di lavoro, a parità di competenza, sono sicura che un’azienda sceglierebbe il candidato con un’immagine più incisiva, più definita questo perché avere cura del proprio aspetto vuol dire avere rispetto, prima di tutto, per se stessi e poi per gli altri. Nel tempo libero ci si può sfogare anche con colori accesi durante l’estate, con bermuda, infradito, piccoli dettagli luminosi, polo o t-shirt; per l’inverno con caldi maglioni, pantaloni morbidi o jeans, colori caldi come il verde e il marrone.

ABBIGLIAMENTO FORMALE

L’abbigliamento formale ha le sue regole qui di seguito vi dirò cosa è meglio indossare per un abbigliamento corporate adottato in linea generale dall’ambiente politico, economico e finanziario.

  • I colori degli abiti devono essere scuri blu o grigi; il più formale è il gessato su fondo blu o grigio a righe sottili, segue la tinta unita; lo spezzato (ovvero giacca e pantaloni diversi) resta più informale.
  • La cravatta è d’obbligo per sapere quali combinazioni di colori vi si addicono meglio vi consiglierei un’analisi cromatica (vedi sezione servizi).
  • Se si ha un budget ridotto non risparmiare mai sulla scarpa, perché se di ottima fattura nobiliterà anche l’abito non proprio perfetto; al contrario trascurare le scarpe (anche non tenendole lucide e curate) ,investendo molto nell’abito, sicuramente farebbe perdere credibilità anche all’abito più costoso;
  • Importante il collo della camicia; il più informale, e l’unico che si può portare senza bottoni, è il botton-down, gli altri tipi di colli (alla francese, allungato ecc.) vanno scelti in relazione alle caratteristiche del vostro viso e al tipo di nodo alla cravatta che preferite utilizzare;
  • I pantaloni vanno scelti in base alle caratteristiche della vostra struttura; se siete magri meglio optare per linee asciutte; i giovani milanesi oggi preferiscono anche averli più corti (addirittura in linea alla caviglia) in linea con alcune tendenze di diverse case di moda milanesi; per gli uomini troppo magri meglio optare per le pences che donano un po’ di volume;
  • Per gli uomini non molto alti da evitare assolutamente il risvolto ai pantaloni e il doppiopetto; meglio optare per i tre bottoni che slanciano la figura;
  • Per chi ha problemi di sovrappeso nella zona del bacino meglio utilizzare il tre pezzi molto amato anche da Tom Ford;
  • Per gli sportivi con spalle larghe non utilizzare imbottiture per la giacca;
  • Le scarpe devono essere sempre nere per un look formale, lasciate il marrone per i week-end;
  • La cintura e le scarpe devono avere lo stesso colore; optate per cinture che si possono utilizzare da entrambe i lati così ne avrete solo una da utilizzare sette giorni (in questo caso meglio non risparmiare);
  • La giacca tweed e il pantalone grigio in alcuni casi può essere utilizzato anche come abbigliamento formale (meglio prima informarsi nel dettaglio), ma il tweed resta sempre una giacca sportiva

molto amata dagli inglesi;

  • Per chi non deve attenersi ad un look formale trovo stupendo l’abbinamento giacca, dolcevita leggero e jeans/pantalone;
  • Per chi lavora nei settori creativi il dress-code formale in genere non viene richiesto;

Per maggiori informazioni mandare una mail all’indirizzo posto nella sezioni servizi


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *